Bucarest - Guida Turistica

Italiano
English

.: BUCAREST
Bucarest  Bucarest, con una popolazione di 2,1 milioni di abitanti (che raggiunge i 2.3 milioni nell'area metropolitana), è la capitale della Romania. È anche il centro industriale e commerciale del paese.
 La superficie totale di Bucarest è 228 km². Fino a poco tempo fa, le zone circostanti erano principalmente rurali, però dal 1989 si è iniziato a costruire nuovi quartieri intorno alla città.
 Ubicata al centro della Pianura Romena, Bucarest si trova in una posizione molto vantaggiosa: a soli 65 chilometri dal Danubio (porto Giurgiu), a 260 chilometri dal litorale del Mar Nero (Constanţa), a 125 chilometri dalla catena dei Monti Carpaţi (Sinaia e la Valle di Prahova).

 Fu denominata come "Parigi dell’Est", in seguito ad un grande sviluppo economico e culturale e nella Seconda Guerra Mondiale, Bucarest è cresciuta dal punto di vista architettonico.
 La lingua ufficiale è il Romeno, di origine latina; si parlano correntemente Inglese, Francese e Tedesco. L'italiano si capisce facilmente.

 Viene anche chiamata 'La città sul Dâmboviţa', per il fiume omonimo che l'attraversa, estremamente pittoresco soprattutto nel punto del suo percorso in cui forma una splendida valle, fiancheggiata dalle montagne.
 Secondo antiche scritture, è stata fondata sulla riva del fiume Dâmboviţa nel 1459 da Vlad Tepes. Il suo nome si fa risalire a quello di un pastore chiamato Bucur, che in rumeno significa "allegro", "felice"; per questo motivo Bucarest può essere tradotto come "città dell'allegria".Bucarest
 Durante la seconda metà del XIX secolo, la popolazione di Bucarest è cresciuta molto rapidamente. La stravagante architettura e l'ambiente culturale cosmopolita dell'epoca diedero l'appellativo di Parigi dell'est alla città, però le differenze sociali tra un crescente ceto agiato e la massa di poveri continuarono a crescere.

 Il 6 dicembre del 1916, la città fu occupata dalle forze tedesche e la capitale fu trasferita a Iaşi, però la città fu finalmente liberata nel dicembre del 1918, convertendosi nella capitale del nuovo Regno di Romania.
 Bucarest ha sofferto grosse perdite durante la Seconda Guerra Mondiale a causa dei bombardamenti da parte dell'Inghilterra e degli Stati Uniti. L'8 novembre 1945, i comunisti giunti al potere con l'appoggio dell'URSS abolirono la monarchia instaurando una dittatura popolare di stampo sovietico.
 Durante la dittatura comunista di Nicolae Ceauşescu, una rilevante parte del centro storico della città, incluse alcune sue antiche chiese, è stata distrutta, ed è stata rimpiazzata con edifici e quartieri di tipici stilemi comunisti. Di quest'epoca è il Centro civico e Palazzo del Popolo, oggi sede del Parlamento (palazzo dei dittatori), che è reputato essere il più esteso edificio al mondo, dopo il Pentagono.

 Leggenda di Dracula
 Qui nasce anche la leggenda di Dracula, importante per questo paese, in quanto rappresenta un pezzo di storia della città.
 Dracula detto anche Vlad l'impalatore , era il figlio di Vlad Dracul (1436-1442; 1443-1447) e nipote di Mircea il Vecchio ( 1386-1418 ). Vlad Dracul venne nominato difensore dell'Ordine dei Dragoni dal re degli Ungheresi.Tutti i membri di quest'ordine avevano raffigurati , sui loro vestiti , un dragone e da qui deriva il nomignolo di Dracul ( Diavolo ). Vlad l' impalatore usava firmarsi Draculea o Draculya - il figlio del diavolo -, nome che fu trasformato in Dracula. La fama di Dracula raggiunse attreverso i Sassoni delle citta della Transilvania Brasov (Kronstadt) e Sibiu (Hermannstadt), che spesso concedevano riparo a coloro che rivendicavano il trono della Valacchia.

 Al fine di evitare il pericolo di perdere il suo trono, Vlad volle punire i Sassoni. Sibiu e i suoi dintorni furono distrutti e bruciati e molti sassoni furono impalati . Stessa sorte capito ai mercanti sassoni che andavano per affari a Targoviste. Di fatto, Vlad fu soprannominato Tepes ( l'impalatore ) soltanto dopo la sua morte (1476). Governo la Valacchia tra il 1456-1462 e nel 1476. Nel 1462 , Vlad fu sconfitto dai turchi e fu costretto a rifugiarsi in Ungheria. Nel 1476 con l'aiuto del re d'Ungheria Mattia Corvino e il Principe di Moldavia Stefano il Grande, Vlad riprese il potere della Valacchia per un mese. La battaglia che segui , vide la morte di Vlad. Vlad fu sepolto nella chiesa del Monastero di Snagov, in un'isola vicino a Bucarest. Il suo corpo giace davanti all'altare.
 Leggenda e storia di Dracula di mescolano e rivivono attraverso le mete turistiche come il Monastero di Snagov vicino a Bucarest o il Castello di Bran, vicino Brasov.